Storia Zen della settimana

settembre 1, 2006 at 11:57 am (Filosofia&Zen)

Ah si?

Il maestro Zen Hakuin era decantato dai vicini per la purezza della sua vita. Accanto a lui abitava una bella ragazza giapponese, i cui genitori avevano un negozio di alimentari.
Un giorno, come un fulmine a ciel sereno, i genitori scoprirono che era incinta. La cosa mando’ i genitori su tutte le furie.
La ragazza non voleva confessare chi fosse l’uomo, ma quando non ne pote’ piu’ di tutte quelle insistenze, fini col dire che era stato Hakuin.
I genitori furibondi andarono dal maestro, lo insultarono e gli imposero di mantenere la ragazza e il bambimo.
“Ah si?” disse lui come tutta risposta.
Quando il bambino nacque, lo portarono da Hakuin. Ormai si era preso la reputazione, cosa che lo lasciava indifferente, ma si occupo’ del bambino e della giovane con grande sollecitudine. Si procurava dai vicini il latte e tutto quello che occorreva al piccolo. Si mise inoltre a intrecciare un maggior numero di stuoie per poter mantenere i due nuovi venuti.
Dopo un anno la giovane – annoiata di vivere con Hakuin – non resitette piu’, si pentì e disse ai genitori la verita’: il vero padre del bambino era un giovanotto che lavorava al mercato del pesce.
La madre e il padre della ragazza, cosi come anche i vicini, andarono subito da Hakuin a chiedergli perdono, a fargli tutte le loro scuse e a riprendersi il bambino e la giovane.
Hakuin non fece obiezioni.
Nel cedere il bambino, tutto quello che disse fu: “Ah si?”.

Annunci

4 commenti

  1. Ragnarok85 said,

    sarà che sono un gretto meschino materialista, sarà che sono cresciuto in mezzo alle galline e al letame, sarà che che ti so ancora distinguere il tintinnio delle 50 lire da quello delle 200 lire…..ma io ste storie zen proprio non le capisco. cioè, le capisco, però non capisco cosa dovrebbero comunicarmi, quale messaggio “superiore” dovrei recepire leggedole. ho aspettato un po’ a scrivere sto commento, sperando intanto di riuscire a trovare una storia zen che mi illuminasse, ma gira che ti rigira continuo a leggere ste storielle e alla fine di tutte mi sovviene la stessa riflessione:”boh, e allora?”

  2. ale said,

    non dovevi scrivere Boh, ma Ah si?
    cmq queste storie illustrano la condizione dell’uomo che ha raggiunto il satori, e dovrebbero, nelle intenzioni di chi li ha scritti stimolare il ragionamento fino ad arrivare a comprendere le motivazioni del protagonista-che sono in realtà Non-motivazioni in quanto il satori non è altro(secondo me) che uno stato di estrema imperturbabilità alle vicende terrene, nato dalla consapevolezza della non esistenza del mondo(ripeto, è la mia visione personale). Vengono scritte queste cose perchè lo zen non può essere spiegato, solo mostrato…e ringrazia che luca non ha ancora cominciato a pubblicare i koan….
    cmq, luca, a proposito, mi sono ricordato da dove li prendi!dal libro 101 storie zen degli adelphi vero? cita le fonti copione!e pubblica quella della fragola, che era la più bella….

  3. morph said,

    Non avrei saputo spiegarlo meglio…concordo con ale.
    Queste storie le stò prendendo da internet e molte sono presenti anche in 101 storie zen..è vero.
    E’ vero quella della fragola è bellissima…settimana prossima la posto.
    Per i koan ci stò pensando…li metterei anche se non fosse per il fatto che non ci capisco veramente una mazza..cmq prima o poi mi decido..prendo “La porta senza porta” e vi sottopongo un pò di koan per trovarci un senso…ci sarà da divertirsi…

  4. Ragnarok85 said,

    boh…va bene, comunque queste storielle mi lasciano già in una sorta di imperturbabilità e quindi mi chiedo “ma allora ho raggiunto il satori?” 🙂 scherzi a parte, mi lasciano comunque asciutto ed ora aspetterò con ansia sti koan, sperando dicano qualcosa di più

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: